Gianluca Savoini: Noi abbiamo sicuramente più affinità culturali e tradizionali con Sebastopoli che non con Miami

  • PDF

savoini specchioIntervista di Gianluca Savoini al giornale crimeano "Lo specchio di Crimea"

 

Il presidente dell’associazione culturale “LombardiaRussia” e’ stato gentile e ha accettato di discutere con noi le prinicipali tendenze internazionali di oggi, i problemi della democrazia europea e dell’indipendenza geopolitica dell’UE.

1. La vostra associazione come la nostra «primavera Crimeana» ha appena compiuto un anno. Quale sono i successi della associazione «Lombardia Russia” in questo periodo?

L'Associazione culturale Lombardia Russia in un anno ha avuto spazio su molti media italiani (ma anche russi) perché siamo stati i primi a cercare di far capire alla nostra gente che la Russia non deve essere vista come un pericolo per gli europei, ma semmai come una grande opportunità.  Alcuni ci hanno criticato, ma la maggioranza delle persone che sono intervenute ai nostri convegni o ci hanno scritto, sono al nostro fianco, perché hanno capito che la questione Ucraina serve solo come pretesto per allontanare l'Europa dalla Russia.

 

2. Сome vedete I resultati del primo anno della nostra presenza come parte della Russia?

Siamo molto contenti che la Crimea sia tornata a farparte della madrepatria russa e sappiamo che voi tutti siete felici per questo. Qui in Italia comunque di Crimea non si parla mai, lo facciamo solo noi.

 

3. Non'e un segreto che siete vicini a Matteo Salvini, il сapo della Lega Nord. Matteo e il suo partito cercono di far togliere le sanzioni contra la Russia. Ci sono dei successi in questa battaglia? E' possibile arrivare a questo risultato?

Matteo Salvini appena ha la possibilità  difende le ragioni della Russia non solo in Italia ma anche a Bruxelles. Ma la Lega è da sola, perché  la sinistra è serva degli interessi dei mondialisti antirussi e la destra moderata come sempre segue gli ordini di Bruxelles e di Washington. E purtroppo abbiamo gente confusa e al servizio del mondialismo anche all'interno della Lega, che come ogni partito ha le sue correnti interne. Ma la leadership di Matteo è molto forte e per fortuna la linea sulla politica internazionale la detta lui. Con questa UE non si può discutere molto, va semplicemente cambiata e l'alleanza con gli altri partiti nazionalisti e identitari rappresenta un buon inizio per questa battaglia.

 

4. Il stereotipo che ci sono dei problemi con democraziа in Russia esiste non solo all’estero ma si sente spesso anche in Russia. Voi veramente credete diversamente e pensate che la Russia è piu democtratica che l’UE?

La  democrazia è soltanto un'espressione vuota di significato ormai. In UE dominano le lobbies economiche e tecnocratiche che non vengono elette dal popolo, ma danno ordini ai governanti europei. A volte addirittura scelgono i primi ministri, come succede in Italia da 4 anni ormai. E in Grecia sono i tecnocrati che stanno portando la situazione alla catastrofe. Il "politically correct" inoltre è la vera dittatura sui cervelli e il pensiero dell'opinione pubblica: minoranze di fanatici vogliono i matrimoni gay, la droga libera, l'immigrazione senza limiti, persino alcuni pensieri positivi sulla pedofilia...questo orrore secondo i padroni del pensiero unico dovrebbe diventare l'essenza del nostro continente. Beati voi che invece avete un governo che pensa ai diritti della maggioranza e giustamente privilegia i russi. La vostra è  vera democrazia, non quella falsa e schifosa dell'UE.

 

5. Secondo voi, se Sivio Berlusconi tornera’ in politica attiva, questo rinforzera' le posizioni di quelli in Italia che vogliono l’amicizia con la Russia o no? 

Il partito di Berlusconi è in difficoltà, senza il suo leader non riesce a ritornare forte. Difficilmente Berlusconi potrà ancora essere determinante, soprattutto per motivi di età, avendo lui quasi 80 anni. L'amicizia personale di Berlusconi con Putin è reale, peccato però che Forza Italia in Europa vota insieme al PPE tutte le proposte di sanzionare ancora di più la Russia. Probabilmente Berlusconi non controlla piu il partito che lui ha fondato.

 

6. Quanto si sente l'influenza dell'USA sulla elite europea? In particolare, su quella italiana? La comunita' italiana lo vede come un problema? E quale sarebbero le possibilita’ di risolverlo?

La seconda guerra mondiale non è stata vinta dall'Italia, ma dagli americani in occidente. In Italia furono gli americani a sconfiggere i tedeschi, anche se la leggenda creata dai comunisti italiani racconta di una sollevazione popolare assolutamente inesistente. Per questo dal 1945 l'Italia è una colonia americana e tutti i governi, anche quelli cosiddetti di sinistra, hanno sempre obbedito alle richieste provenienti dagli USA. Oggi più che mai, con uno come Renzi, messo lì non dalle elezioni, ma dai poteri internazionali. L'opinione pubblica viene influenzata dalle TVe dai programmi all'americana e film e telefilm made in USA, che ogni sera vengono trasmessi su tutti i canali. Ma per fortuna i grandi cambiamenti non passano mai per la maggioranza della popolazione, ma da elites e avanguardie che sono minoranze "illuminate". Quindi esiste sempre la possibilità di cambiare le  cose, sempre che esistano le elites.

 

7. Per adesso voi (Lega Nord) siete in opposizione e siete amici della Russia. Non avete preocupazioni che quanto sarete al potere, dovrete pendere verso gli USA? In generale., sarebbe possible arrivare al potere senza questa deriva? 

Questa domanda si collega a quella precedente e così la mia risposta. Se la Lega tornerà al governo certamente dovrà rispettare patti internazionali sottoscritti e non dimenticare che l'Italia fa parte della NATO. Già adesso, a causa della sua posizione sulla Russia, arrivano messaggi e segnali di uncerto tipo, ma il mondo sta velocemente cambiando e la situazione internazionale dimostra che non esiste più soltanto la Superpotenza americana, ma anche altre grandi potenze, come Russia e Cina, con cui tutti dobbiamo avere rapporti. Sicuramente sarà importante abbattere il sistema di potere della sinistra in Europa, perché oggi è la sinistra  ad essere completamente serva degli interessi delle multinazionali e del mondialismo,  oltre che portatrice di ideologie antinazionali e decadenti, il cosiddetto "pensiero debole", tipico prodotto della povera Europa di oggi, che ha rinnegato le sue gloriose radici di forza.

 

8. Secondo voi, come si posizziona la Russia rispetto all'Europa: come l’avversario naturale, come l’alleato naturale come la parte organicа della civilta’ europea?

Il futuro dell'Europa sarà positivo se l'UE cambierà totalmente e lavorerà per il benessere dei suoi cittadini e non, come fa oggi, per difendere gli interessi delle banche e dei poteri economici e finanziari. Naturalmente per noi i rapporti tra Russia e Europa devono essere fortissimi, ma finché esiste questa UE accadrà il contrario. Personalmente io sono favorevole all'Europa,  ad un grande e potente continente da Lisbona a Vladivostok. Noi abbiamo sicuramente più affinità culturali e tradizionalicon San Pietroburgo e Sebastopoli che non con Miami o Los Angeles.

 

9. Il 20 marzo è iniziato il progetto “corridoio verde” tra Russia e Italia. Come funziona questo programma di cooperazione doganale tra i nostri paesi? Сome può usare questo “corridoio verde” la vostra associazione?

Di questo "corridoio verde" nessuno ne parla in Italia  e nessuno sa che cosa sia. E soprattutto bisogna vedere se potrà funzionare,  vista la situazione internazionale attuale.

 

10. Ultima domanda. L’autunno scorso avete visitato la Crimea. Quando arriverete di nuovo da noi?

Abbiamo un bellissimo ricordo della Crimea e contiamo di tornare da voi dopo l'estate, al massimo.

 

Fonte: Lo Specchio di Crimea

Partner Ufficiale - Ministero dell'Informazione di Crimea

crimea2 1

Partner Ufficiale - Agenzia di Informazioni Crimea Inform

logo rn 1

 

logo final 1

Partner Ufficiale - La voce della russia

logo print RUS ENG 1